Prese a pugni l’infermiere del 118: parente condannato a pagare 900 euro di multa ed il risarcimento danni

0 0
Read Time:1 Minute, 20 Second
Prese a pugni l’infermiere del 118: parente condannato a pagare 900 euro di multa ed il risarcimento danni
Un uomo di Cellino San Marco è stato condannato dal giudice di pace di Brindisi a risarcire i danni all’infermiere del 118 cui sferrò un pugno e a pagare una multa di 900 euro

L’energumeno prese a pugni il sanitario giunto presso la propria abitazione in seguito ad una richiesta di soccorso pervenuta al 118.

Correva il mese di gennaio 2015 quando l’anziano famigliare morì a causa di un malore.

A nulla sono valsi i tentativi di rianimazione cardiopolmonare effettuati dai sanitari, anche se l’aggressione inizio ben prima dell’inizio delle stesse.

Le offese e gli insulti dei presenti iniziarono addirittura in strada, dove uno sparuto gruppo di esagitati attendeva l’ambulanza. Il vergognoso crescendo è poi proseguito fino a quando qualcuno non ha pensato di prendere a pugni l’infermiere.

Medico (donna), infermiere, autista e soccorritrice si sono ritrovati poi ad essere letteralmente sequestrati all’interno dell’abitazione, rendendo necessario l’intervento dei carabinieri per poter raggiungere il mezzo di soccorso.

Tutto ciò perché, a detta dei parenti del deceduto, l’equipe non sarebbe intervenuta correttamente e con le procedure corrette.

“Sostenevano che eravamo in ritardo di 35 minuti – dichiarò un operatore a BrindisiReport all’epoca dei fatti – quando invece abbiamo impiegato solo 9 minuti per raggiungere quell’appartamento”.

L’infermiere ha sporto successivamente denuncia per minacce e lesioni, e la vicenda si è conclusa con la sentenza di condanna.

L’articolo Prese a pugni l’infermiere del 118: parente condannato a pagare 900 euro di multa ed il risarcimento danni scritto da Dott. Simone Gussoni è online su Nurse Times.

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %