Quando l’Infermiera è incinta. Trucchi e rimedi per sbarcare il lunario a lavoro e a casa.

0 0
Read Time:5 Minute, 24 Second

Quando l’Infermiera è incinta il mondo non si ferma attorno a lei ed è lei stessa a volerlo. Ecco trucchi e rimedi per sbarcare il lunario a lavoro e a casa.

Quando l’Infermiera è incinta in Italia può scegliere due strade (tutto dipende ovviamente dalle condizioni di salute suo e del feto): mettersi in malattia/gravidanza a rischio o lavorare fino a quando le sue condizioni psico-fisiche glielo permettono.

Va precisato che l’astensione obbligatoria dal lavoro per maternità scatta normalmente a partire dal settimo mese di gravidanza e si prolunga fino al terzo mese dopo il parto.

Però, in talune circostanze, è possibile ottenere l’astensione anticipata, in particolare nel caso di una gravidanza le cui condizioni possono essere a rischio per la salute della mamma o del bambino oppure qualora la lavoratrice durante una normale gravidanza svolga invece attività lavorative che possono pregiudicare la sua salute e/o quella del bambino (anche per il periodo di allattamento).

La lavoratrice, se si sente bene, può scegliere anche di continuare a lavorare (sempre se la gravidanza non è a rischio), ma in attività non pericolose per lei e per il nascituro. Solitamente sceglie attività d’ufficio o di coordinamento tecnico.

L’Infermiera incinta chiede che il mondo non si fermi attorno a lei.

L’Infermiera italiana, almeno ciò accade per la maggiorparte delle colleghe, chiede che il mondo non si fermi attorno a lei ed è sempre disponibile a darsi da fare per chi sta male. In fondo la sua è una scelta di vita ed un modo per dare man forte a Pazienti e colleghi finchè può. Nel resto del mondo accade praticamente la stessa cosa, anche se le tutele sindacali e fiscali per la donna lavoratrice sono differenti da nazione a nazione.

Cosa può fare l’Infermiera incinta se decide di restare a casa?

Può chiedere di occuparsi di Telemedicina e di lavorare a distanza (là dove possibile) o continuare a darsi da fare per la professione. Sono tante, infatti, le colleghe che hanno deciso di mettersi in gioco durante la gravidanza scegliendo, ad esempio, di dedicarsi alla scrittura e alla formazione, ma anche allo studio e alla ricerca. Un molte hanno messo a disposizione degli altri la loro esperienza di gravide offrendo sul web e sui social consigli inerenti indagini diagnostiche, esami di controllo, esercizi fisici e mentali per le future mamme.

In Italia è così, ma cosa accade in USA?

Presso l’Unità di terapia intensiva dell’ospedale di Kuala Lumpur (HKL), medici, infermieri e membri del personale di supporto si concentrano sui pazienti che richiedono cure mediche specialistiche 24 ore su 24.

Il personale medico sul posto di lavoro mette da parte tutto il resto e dà la priorità ai bisogni dei propri pazienti nella speranza di riportarli in buona salute, anche quando stanno portando una vita preziosa. L’hanno ascoltata i colleghi di New Straits Times.

Fiorenzie Dayang Jacob, 27 anni, che è stata un’infermiera del personale presso l’ICU di HKL nell’ultimo anno ed è incinta di sette mesi, raccoglie coraggio ed energia per fare del suo meglio nella cura dei pazienti.

Fiorenzie Dayang Jacob, 27 anni, Infermiera incinta al settimo mese e in attività.
Fiorenzie Dayang Jacob, 27 anni, Infermiera incinta al settimo mese e in attività.

“Sono incinta di più di sette mesi del mio primo figlio. Nonostante la stanchezza, i dolori e le nausee a volte, metto tutto da parte quando sono al lavoro.”

“Sono un’infermiera in un reparto in cui la maggior parte delle vite dei pazienti è appesa a un filo. Dobbiamo essere tutti in gamba e fare tutto il necessario per preservare le vite. Questo è il nostro obiettivo nel cercare di prenderci cura dei pazienti.”

“Perché sono incinta e con la pandemia di Covid-19 non lavoro più in terapia intensiva. Negli ultimi due mesi ho lavorato in sala operatoria.”

“Nella sala operativa, svolgiamo pratiche burocratiche, supervisioniamo le comunicazioni, ci mettiamo in contatto con altre unità e dipartimenti e prendiamo scorte di medicinali e attrezzature, che vado a prendere e porto utilizzando un carrello se necessario.”

“Essendo molto incinta, devo ammettere che la stanchezza arriva e mi stanco facilmente. Quindi, per rimanere vigile, essere pronto e in movimento, faccio pause intermittenti, resto idratato, prendo integratori e vitamine, indosso scarpe comode e persino parla con il mio adorato bambino di non scalciare o muoverti”, ha scherzato con un sorriso.

Infermiera negli ultimi cinque anni, Fiorenzie ha detto che suo marito era anche un medico di prima linea in HKL, anche se in un dipartimento diverso e lavorando su turni diversi per la maggior parte del tempo.

“Io e mio marito siamo entrambi infermieri ed è così che ci siamo incontrati e siamo finiti insieme. Lavora nel dipartimento di neurochirurgia. È al suo terzo anno qui in ospedale. È il pilastro della mia forza e del mio sostegno, come capisce per primo- consegnare i requisiti e le richieste del lavoro.”

Fiorenzie ha affermato che il personale sanitario in terapia intensiva, a seconda dell’elenco e di altre circostanze, potrebbe essere assegnato a uno dei tre turni: il turno mattutino di otto ore, il turno serale di sette ore o il turno notturno di nove ore.

Durante i periodi difficili come la pandemia, l’ICU è sotto sforzo e il personale finisce per lavorare ben oltre il turno.

“Non facciamo storie perché dobbiamo salvare vite e questo è ciò per cui abbiamo firmato”, ha detto Fiorenzie.

Quando era una ragazza cresciuta a Miri, nel Sarawak, ha detto, la sua ambizione era diventare un’infermiera.

“Ho sempre voluto prendermi cura dei malati e dei malati, e conto di essere stato in grado di realizzare la mia ambizione e di rendere orgogliosa la mia famiglia.”

“Mi mancano molto (la famiglia) perché non li vedevo da molto tempo a causa della continua minaccia rappresentata dal virus mortale.”

“Lo uso come motivazione per andare avanti quando sto lottando”, ha detto il maggiore di cinque fratelli.

Lei, insieme ai suoi colleghi, sperava che i malesi sarebbero stati disciplinati nel seguire le procedure operative standard del blocco. Questo è importante per spezzare la catena delle infezioni e ridurre il numero di infezioni e decessi giornalieri.

Il personale medico ammette che sta lottando per far fronte a un numero crescente di pazienti e non sa per quanto tempo potrà continuare a lavorare a un ritmo così frenetico.

L’articolo Quando l’Infermiera è incinta. Trucchi e rimedi per sbarcare il lunario a lavoro e a casa. proviene da AssoCareNews.it – Quotidiano Sanitario Nazionale.

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %