Cosa vogliono gli Infermieri. Rispetto, formazione post-universitaria libera per tutti e stipendi da veri professionisti.

0 0
Read Time:1 Minute, 51 Second

Cosa vogliono gli Infermieri italiani? Semplicemente rispetto, considerazione, ascolto, formazione post-universitaria libera per tutti e stipendi da veri professionisti.

Ci siamo chiesti cosa vogliono oggi gli Infermieri italiani e abbiamo provato a sintetizzare in questo servizio quali sono le urgenze da risolvere per non rischiare una implosione. I colleghi sono stanchi, oberati da anni di puro sfruttamento e da 16 mesi di Pandemia Covid che li ha messi letteralmente in ginocchio.

Il rischio è che si stia perdendo l’identità stessa della professione e che tanti Infermieri possano abbandonarla per altre scelte di vita e di lavoro. Lo stiamo dicendo da tempo, i sindacati e la FNOPI stanno provando da mesi a dialogare con i Governi che si sono susseguiti nell’ultimo periodo. Ogni volta sembra di arrivare alla meta, ma poi in Parlamento e nelle stanze del potere governativo accade qualcosa che riporta tutti 100 passi più indietro. Ed ogni volta si deve ripartire. Questo sta creando sconforto e disaffezione, non sono da parte della base, ma anche delle dirigenze, che oramai si sono chiuse a riccio, schiacciate tra la base e le Direzioni.

Ieri, ad esempio, si è visto chiaramente la disaffezione degli Infermieri rispetto alla Giornata Internazionale ad essi dedicata. Pochi eventi in giro, anche se di contro vi è stata una grande risonanza mediatica. E questo grazie alla dinamicità della Federazione Nazionale Ordini Professioni Infermieristiche che, con la presidente Barbara Mangiacavalli, ha saputo dare voce alla categoria nel corso del secondo Congresso Nazionale FNOPI.

Ma cosa vogliono in sintesi gli Infermieri?

Semplice:

  • considerazione;
  • rispetto;
  • ascolto;
  • riconoscimento delle nuove competenze;
  • chiarezza dei ruoli relativamente al rapporto con le altre professioni mediche e sanitarie;
  • stipendi adeguati agli standard internazionali (e non più da operaio generico come accade oggi in Italia);
  • accesso libero alla formazione universitaria (Magistrale, Master, Dottorato di ricerca);
  • uscita dal Comparto Sanità;
  • vera libera professione per tutti gli Infermieri dipendenti e non solo correlata alla Campagna Vaccinale

Occorre continuare a battersi in questa direzione e battere il chiodo ora che è caldo. Noi lo faremo e lo faremo assieme a tutti voi.

L’articolo Cosa vogliono gli Infermieri. Rispetto, formazione post-universitaria libera per tutti e stipendi da veri professionisti. proviene da AssoCareNews.it – Quotidiano Sanitario Nazionale.

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %