Noemi, OSS: “quell’Operatrice Socio Sanitaria non meritava di essere insultata dalla collega Infermiera”.

Ci scrive Noemi, OSS, che risponde a testa bassa contro l’Infermiera che a suo dire ha offeso una Operatrice Socio Sanitaria.

Buonasera Direttore,

vorrei replicare alla lettera della signora Infermiera che insulta gli OSS come teste calde, io sono OSS e posso dire che spesso volentieri e anzi SEMPRE i colleghi inf ci chiedono di: spegnere e accendere pompe PEG.

Staccarle quando mobilizziamo con sollevatore il paziente poiché non hanno tempo / voglia di venire a farlo loro. Regolare flusso pappa / acqua. Allora non prendiamoci in giro. Come il dare terapie che l’inf ti mette su un vassoio e molla lì alla portata di tutti.

Mi sento personalmente molto offesa e penso chiunque della mia categoria. Qua parliamo di COSCIENZA allora se volete che non mettiamo mano a certe cose arrangiatevi cari infermieri ma dopo non venite a chiederci mezza cosa perché allora iniziamo a denunciare la vostra inerzia.

Molti di voi passano (parlo per le case di riposo e ne ho girate tre in 10anni non parlo a vanvera) il turno in ambulatorio al PC e sbuffate se vi “disturbiamo”.

Allora non vi lamentate.

Silenzio.

Noemi Peruzzi, OSS

Leggi anche:

OSS licenziata per manomissione nutrizione enterale? Solidarietà alla collega Infermiera coinvolta: “ha fatto bene”.

L’articolo Noemi, OSS: “quell’Operatrice Socio Sanitaria non meritava di essere insultata dalla collega Infermiera”. proviene da AssoCareNews.it – Quotidiano Sanitario Nazionale.