Frosinone, detenuto simula suicidio e aggredisce infermiere

Frosinone, detenuto simula suicidio e aggredisce infermiere

L’episodio, riferito dal segretario generale di Fns Cisl Lazio, è avvenuto in carcere. Dopo aver finto di impiccarsi, l’aggressore ha tentato di scagliare uno sgabello contro l’operatore.

Ennesima aggressione nel carcere di Frosinone. A segnalarla è una nota a firma di Massimo Costantino, segretario generale di Fns Cisl Lazio. “Un detenuto egiziano di 22 anni – si legge -, dopo un simulato tentativo di impiccagione, per fortuna senza alcuna conseguenza, ha tentato di aggredire l’infermiere che era stato chiamato per la rilevazione dei parametri. Tre assistenti, dopo aver messo in sicurezza l’infermiere, con prontezza e grande professionalità hanno evitato che il detenuto scagliasse rovinosamente lo sgabello addosso al coordinatore di reparto. Nell’afferrare lo sgabello un assistente riportava una forte contusione a una mano e l’altro si fratturava la falange della mano sinistra, riportando una prognosi di dieci giorni”.

Prosegue la nota: “Il detenuto in questione è uno dei tanti arrivati nel carcere di Frosinone, peraltro con problemi psichiatrici, in sostituzione dei detenuti alta sicurezza. Detenuti di almeno due sezioni che, quotidianamente, rifiutano di rientrare in cella, nella maggior dei casi per motivi futili. La sensazione che registriamo nel personale, ormai, è quella di un carcere in balia delle onde e che, nonostante l’abnegazione del personale di polizia penitenziaria, è prossimo ad affondare. Come Fns Cisl Lazio faremo il possibile perché tale personale sia tutelato nel proprio lavoro e possa quanto prima trovare la fiducia della propria amministrazione”.

Redazione Nurse Times

L’articolo Frosinone, detenuto simula suicidio e aggredisce infermiere scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.