Tumore al seno: terapie biologiche mirate

0 0
Read Time:4 Minute, 29 Second
Prevenzione del tumore al seno: il ruolo dei fisioterapisti

La terapia mirata è il nome dato a un gruppo di farmaci che bloccano la crescita e la diffusione del tumore interferendo con la biologia delle cellule tumorali

Bloccano infatti in modo specifico alcuni processi che fanno crescere il tumore. Alcuni di questi farmaci, per esempio, agiscono su un gruppo di proteine chiamate fattori di crescita, che si legano alla cellula tumorale aiutandola a crescere più velocemente e a sopravvivere più a lungo.

La terapia endocrina è stata la prima terapia mirata ad essere utilizzata, bloccando gli ormoni femminili (estrogenie progesterone) che stimolano le cellule tumorali a crescere.

Agendo sul modo esatto in cui le cellule tumorali si sviluppano, le terapie mirate possono essere più efficaci e meno nocive per le cellule normali rispetto ad altri trattamenti. Sono però efficaci solo in quei tumori che presentano lo specifico bersaglio biologico.

Autopalpazione e tumore al seno
Palpazione

Esame isto- patologico

Si esegue su un prelievo effettuato mediante un ago di calibro maggiore (Tru-cut).

Permette di prelevare dei campioni di tessuto che vengono esaminati dal patologo il quale descrive:

  • Il tipo di cellule da cui il tumore trae origine (le principali sono duttali o lobulari)
  • La capacità del tumore di estendersi ai tessuti circostanti (tumore invasivo) o di restare localizzato (tumore in situ)
  • Il grado di differenziazione delle cellule tumorali cioè quanto le cellule tumorali sono diverse dalle cellule sane del seno:
    • Grado 1 (ben differenziate): le cellule tumorali assomigliano alle cellule normali (per es. hanno la stessa forma e dimensione) e di solito crescono lentamente.
    • Grado 2 (mediamente differenziate): le cellule tumorali sono più grandi e irregolari delle cellule normali e crescono più rapidamente.
    • Grado 3 (poco differenziate): le cellule tumorali sono molto diverse dalle cellule normali e crescono rapidamente.
  • Lo stato dei recettori per gli ormoni femminili (estrogeni e progestinici): se presenti o assenti, la loro intensità e percentuale di espressione sono caratteristiche importanti per la scelta della terapia successiva.
  • L’espressione di una proteina che si trova sulla superficie di alcune cellule tumorali (HER2 o cerb-B2). Se presente o assente è importante per la scelta della terapia successiva.
  • L’attività di proliferazione delle cellule, cioè la loro capacità di moltiplicarsi (Ki-67 o MIB-1). Anche questo dato è importante per la scelta della terapia successiva.
  • I tumori del seno che non contengono né i recettori ormonali per gli estrogeni e il progesterone né il recettore per HER2 sono definiti tumori triplo negativi.

Il patologo esamina anche il materiale rimosso durante l’intervento chirurgico e descrive:

  • La grandezza del tumore.
  • L’eventuale interessamento dei linfonodi dell’ascella.
  • La presenza di cellule tumorali nei vasi linfatici o sanguigni.
  • Lo stato dei margini.

Il tumore deve essere circondato da un bordo (margine) di tessuto sano.In alcuni casi ci può essere più di un tumore nello stesso seno. Se i diversi tumori sono nello stesso quadrante si parla di malattia multifocale, se sono in quadranti differenti invece di malattia multicentrica.

Il patologo descrive di solito in questi casi le caratteristiche di ogni singolo tumore.

Terapie biologiche mirate (terapie a bersaglio o targeted) nel tumore al seno HER2 positivo

Alcuni tumori al seno hanno sulla superficie delle cellule tumorali livelli elevati (detti sovraespressione) di una proteina (detta anche recettore) chiamata HER2 (o Cerb-B2) che stimola le cellule tumorali a crescere. Si parla in questo caso di tumore HER2 positivo. Questo tipo di tumore è presente in circa il 20% delle pazienti e tende a crescere più velocemente di quello HER2 negativo.

Come si fa a sapere se il tumore al seno è HER2 positivo?

Ci sono diversi test che si possono effettuare su un campione del tessuto tumorale per sapere se il tumore è HER2 positivo. Donne con un tumore al seno HER2 negativo non hanno beneficio dal trattamento con farmaci che bloccano HER2.

Il test per verificare i livelli di HER2 è un esame di routine che viene eseguito in tutte le donne con un tumore al seno: normalmente, i risultati sono disponibili entro una settimana.

Terapie biologiche mirate (terapie a bersaglio o targeted) nel tumore del seno triplo negativo

I tumori del seno triplo negativi non contengono né i recettori ormonali per gli estrogeni e il progesterone né il recettore per HER2 (o Cerb-B2). Nel 40-60% di questi tumori è presente, sulla superficie delle cellule immunitarie presenti nel tumore o sulle cellule tumorali stesse, il recettore PD-L1, una proteina che indebolisce la risposta immunitaria contro il tumore, favorendo la sua proliferazione incontrollata. In questi tumori si è recentemente dimostrata efficace l’immunoterapia, che fa parte delle terapie biologiche mirate.

Come si fa a sapere se il tumore al seno triplo negativo esprime il recettore PD-L1?

Il metodo più efficace per valutare l’espressione di PD-L1 nel tumore del seno triplo negativo è controllare la sua presenza nelle cellule immunitarie del tumore iniziale o in una biopsia delle metastasi.

Redazione Nurse Times

Fonte: infoseno.org

Ultimi articoli pubblicati

L’articolo Tumore al seno: terapie biologiche mirate scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %