Cristina, OSS: “io sguattera degli Infermieri, non diventerò mai una professionista”.

0 0
Read Time:1 Minute, 14 Second

Ci scrive Cristina Bombardini, Operatrice Socio Sanitaria: “io sguattera degli Infermieri, non diventerò mai una professionista”.

Caro Direttore di AssoCareNews.it,

mi chiamo Cristina e sono una Operatrice Socio Sanitaria. Da anni lavoro in una RSA convenzionata con il SSN e da me il rapporto tra Infermieri e OSS non è stato mai idilliaco.

Altro che lavoro di squadra e interessi assistenziali finalizzati al benessere psicofisico del Paziente.

Noi OSS veniamo trattati in struttura come umili idioti. Gli Infermieri ultimamente, con la scusa che sono pochi, ci costringono a somministrare la terapia. Ce  la preparano anche il giorno prima, ce la inseriscono bicchierini con nome, data e ora e noi la dobbiamo fare assumere dagli utenti, che quasi tutti non sono collaboranti per problemi di demenza o patologie altamente limitanti.

Per non parlare poi degli ECG e dei criteri. Insomma ci fanno fare quello che la legge non permette, ci fanno fare gli Infermieri di fatto, ma ci considerano sempre dei lavaculi. Perchin fondo quelli siamo e non ne usciremo mai se non ci ribellaremo a questo modo di fare.

Eppure vedo su Facebook che tantissimi Infermieri protestano perché l’OSS abusa dell’altrui professione. A queste persone direi di farsi un serio esame di coscienza o di venire a vedere cosa accade nelle RSA, dove sembra vigere la Costituzione della Repubblica delle Banane.

Buon lavoro.

Cristina Bombardini, OSS

L’articolo Cristina, OSS: “io sguattera degli Infermieri, non diventerò mai una professionista”. proviene da AssoCareNews.it – Quotidiano Sanitario Nazionale.

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %