Infermiera No Vax, si allo stipendio ma senza riammissione a lavoro

0 0
Read Time:1 Minute, 36 Second
La quota di iscrizione annuale all'Ordine degli infermieri «deve pagarla la Asl», la sentenza del giudice

MILANO- Riammessa in servizio dal Tribunale no, ma ripagata degli stipendi non versati per 8 mesi si: per la prima volta in materia, il Tribunale del Lavoro di Milano annulla il provvedimento con cui una cooperativa sociale , in base alle regole sui lavoratori della sanità, da febbraio aveva messo in aspettativa non retribuita l’infermiera di una residenza per anziani che aveva rifiutato la vaccinazione anti-Covid. 

E’ vero – premette la sentenza – che il lavoratore socio-sanitario che non si vaccini diventa, in quanto potenziale maggior veicolo di diffusione del contagio, «inidoneo temporaneamente a svolgere la prestazione lavorativa tipica di un contatto con soggetti fragili», come gli anziani più esposti agli effetti del Covid.  E questa è la ragione per la quale il giudice Antonio Lombardi non riammette in servizio l’infermiera. 

“Ma la sospensione senza retribuzione è l’extrema ratio”, e dunque “c’è un preciso onere del datore di lavoro di verificare l’esistenza di posizioni lavorative alternative”: insomma di “mansioni equivalenti o inferiori” che, “astrattamente assegnabili al lavoratore “, da un lato siano ”compatibili con la tutela della salute nell’ambiente di lavoro”, e dall’altro possano “preservare la condizione occupazionale e retributiva”. Nel caso in questione, invece, il datore di lavoro non ha esplorato questa possibilità.  E dunque l’infermiera, assistita dall’avvocato Mauro Sandri, deve riavere gli stipendi arretrati. 

Fonte: Corrieredellasera

Ultimi articoli pubblicati

L’articolo Infermiera No Vax, si allo stipendio ma senza riammissione a lavoro scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %