Coronavirus, Draghi: “Si va verso obbligo vaccinale e terza dose”. Il parere degli esperti

0 0
Read Time:4 Minute, 8 Second
Coronavirus, Draghi: "Si va verso obbligo vaccinale e terza dose". Il parere degli esperti

Vediamo cosa pensano alcuni scienziati dell’importante annuncio del premier.

Come annunciato da Mario Draghi, “si va verso l’obbligo vaccinale e verso la terza dose di vaccino”. Un obbligo che “scatterà quando il vaccino sarà dichiarato da Ema e Aifa non più farmaco emergenziale ma ordinario”. Il presidente del Consiglio ha anticipato poi l’estensione del Green Pass, alla luce di una campagna vaccinale ora al 69%. Da programma, si punta a coprire l’80% della popolazione entro la fine di settembre. Di seguito l’opinione di alcuni esperti sulle parole pronunciate dal premier.

Bassetti – “Sono d’accordo con la scelta del premier Draghi e del Governo di partire con la terza dose di vaccini e sull’obbligo vaccinale. Quest’ultima è una scelta forte, ma dimostra che Draghi è la persona giusta, al posto giusto e nel momento giusto. Soprattutto ha fatto capire a chi ancora non l’ha capito che si esce dalla pandemia con i vaccini. E’ un grande premier, sono con lui in questa battaglia”. Così, all’Adnkronos Salute, Matteo Bassetti, direttore del reparto di Malattie infettive all’ospedale San Martino di Genova.

Pregliasco – “La situazione epidemiologica e le caratteristiche del vaccino anti-Covid ci portano a dover immaginare una terza dose e la possibilità dell’obbligo. Quindi l’indicazione del presidente Mario Draghi ci sta, ne sono contento e condivido”. Così all’Adnkronos Salute il virologo Fabrizio Pregliasco, docente dell’Università Statale di Milano. In particolare: “L’obbligo è necessario perché è una convenienza, un’opportunità, vista l’efficacia dimostrata e la quota bassa di eventi avversi che i vaccini stanno dimostrando. E’ un’utilità per il Servizio sanitario nazionale, per la riduzione dell’impatto sugli ospedali, per la possibilità di trattare le altre patologie che non sono andate in vacanza e, oltre tutto, per far riprendere l’economia. Purtroppo atteggiamenti negativi contro il vaccini, incomprensibili, possono portare come risultato alla necessità dell’obbligo per arrivare all’obiettivo che ci interessa, ovvero la convivenza, meno dannosa possibile, con questo virus”.

Andreoni – “E’ una logica conclusione relativamente a una serie di considerazioni che si possono fare oggi: l’epidemia sta continuando, la campagna vaccinale negli ultimi giorni ha subito un forte rallentamento, e anche l’Oms ci ha richiamato come Ue. Quindi il Governo, giustamente, è arrivato alla conclusione che per dare impulso alle vaccinazioni si deve ricorrere all’obbligo”. Così, all’Adnkronos Salute, Massimo Andreoni, direttore scientifico della Società italiana di malattie infettive e tropicali (Simit) e primario di Infettivologia al Policlinico Tor Vergata di Roma. Andreoni apprezza anche l’avvio già a fine settembre della terza dose per i fragili annunciata dal ministro della Salute, Roberto Speranza: “C’è la necessità di avviare rapidamente la terza dose. Anche questa è una soluzione valida, anche in relazione ai dati che emergono dai Paesi che sono già partiti”.

Crisanti – “L’annuncio del premier Mario Draghi mi lascia molte riserve. Da Israele arrivano dati che indicano come l’efficacia dei vaccini si riduca al 70%. Al momento sono preoccupato per questo”. Così, all’Adnkronos Salute, Andrea Crisanti, direttore del Dipartimento di Medicina molecolare dell’Università di Padova. “Questo annuncio è politico – rimarca il virologo -. I vaccini funzionano e hanno un rapporto costo-benefici indiscutibile, ma non vorrei che con i dati che arrivano da Israele questa scelta dell’obbligo si riveli un boomerang per i no vax, i quali potranno dire che i vaccini non funzionano, e quindi rifiutare l’obbligo”.

Galli – “Se Draghi avrà la possibilità e la capacità di imporre l’obbligo vaccinale contro il Covid, salirà ulteriormente nella mia stima. Non ci si diverte ad imporre l’obbligo, ma di fronte a una situazione che ci vede costantemente impegnati nella lotta al virus diventa un elemento difficilmente eludibile”. Così all’Adnkronos Salute, Massimo Galli, docente di Malattie infettive all’Università Statale e primario al Sacco di Milano. “Finora non mi sono mai espresso in direzione dell’obbligo – aggiunge -, perché non mi sembrava che le condizioni politiche fossero tali da consentire il raggiungimento del risultato. Consideravo più semplice puntare all’applicazione di altri provvedimenti, come il Green pass. In ogni caso, se si deciderà di imporre l’obbligo, non ho riserve ideologiche. Da sempre ritengo che la persuasione sia meglio dell’imposizione. E che il coinvolgimento nello sviluppo della cultura della prevenzione sia preferibile a imporre. E’ un dato di fatto, però, che conseguire determinati obiettivi senza l’obbligo diventa difficile. Quindi, se la decisione sarà quella, non sarò contrario”.

Redazione Nurse Times

L’articolo Coronavirus, Draghi: “Si va verso obbligo vaccinale e terza dose”. Il parere degli esperti scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %