Simona, OSS: “noi senza Infermieri non abbiamo ragion d’esistere; importanti si, indispensabili no”.

0 0
Read Time:2 Minute, 7 Second

La lettera di Simona (OSS) riapre la discussione tra professionisti sanitari ed operatori di supporto: “noi senza Infermieri non abbiamo ragion d’esistere; importanti si, indispensabili no”.

Spettabili Direttore e tutto lo Staff di Assocare News,

sono Simona Bussolin, Oss che opera in una RSA in quel della provincia di TV. In primis ringrazio per il colloquio telefonico precedentemente avuto e per l’indirizzo mail datomi.

Oggi ho letto l’articolo pubblicato scritto dal Dr. Biagio e ne sono stata profondamente toccata. Onestamente in qualità di Oss posso condividere la sua “denuncia” su quel che riguarda formazione e responsabilità dell’Oss, cosa di cui non vado fiera, anzi. Comprendo anche che troppo spesso ci siano conflitti di competenza e riconoscimento.

Onestamente nella realtà in cui vivo (intendo a livello regionale ma che penso si possa estendere a livello nazionale) vi è in primis l’emergenza che la figura dell’Infermiere è ricercatissima, siamo in grave carenza di PROFESSIONISTI e ciò sta configurando una gravità sanitaria-socioale-assistenziale di complessa risoluzione.

Come Oss posso dire che il mio ruolo non può minimamente affacciarsi a “compensare-sostituire” l’assenza degli INFERMIERi.

Quanto ho letto mi ha dato conferma di un “chiodo fisso” che ultimamente mi ronza nell’animo: il lavoro d’equipe e la multidisciplinarità sono ormai una buona pratica dimenticata a causa dell’emergenza sanitaria correlata alla pandemia. Tutte le figure che lavorano in ambito sanitario-socio-assistenziale (e non solo) hanno subito dei sonori scossoni, l’utenza di tali servizi ha modificato la connotazione. Ovviamente per noi Oss le responsabilità sono quasi inesistenti rispetto alla figura dell’INFERMIERE e sono consapevole che quest’ultimi abbiano tratto un fotonico incremento carico fisico-legislativo-emotivo che personalmente ritengo eccessivo.

Ritornando alla formazione… purtroppo come Oss ad oggi spesso devo arrabattarmi in autonomia per poter fare corsi di formazione aggiuntivi ed aggiornarmi, e anche io mi devo autofinanziare. Purtroppo diventa un auto-formazione di difficile condivisione con il gruppo di lavoro.

Rivolgendomi al Dr. Biagio mi permetto di dire che non tutti gli Oss si sentono Infermieri o Dottori, ma che faccio parte di quella categoria (e siamo in molti) che sanno che senza Infermiere non possiamo sussistere se vogliamo fare un buon lavoro nel rispetto della legalità, dell’etica e della deontologia.

Cordiali saluti.

Simona Bussolin, OSS

Leggi anche:

Biagio, Infermiere: “forse sarebbe stato meglio fare l’OSS, tanto mi sembrano sufficienti o no?”.

L’articolo Simona, OSS: “noi senza Infermieri non abbiamo ragion d’esistere; importanti si, indispensabili no”. proviene da AssoCareNews.it – Quotidiano Sanitario Nazionale.

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %