Ictus Emorragico: cause, sintomi e trattamento.

0 0
Read Time:3 Minute, 33 Second

Cos’è l’Ictus Emorragico? Sintomi, cause e trattamento di un’anomala “invasione” ematica del cervello che può portare all’invalidità permanente e al decesso di chi ne è colpito.

Un ictus si verifica quando il flusso sanguigno in un’area del cervello viene interrotto.

Quando questo accade, le cellule cerebrali vengono private dell’ossigeno e iniziano a morire.

Un ictus emorragico è quando il sangue da un’arteria inizia a sanguinare nel cervello. Ciò accade quando un vaso sanguigno indebolito esplode e sanguina nel cervello circostante.

La pressione del sangue fuoriuscito danneggia le cellule cerebrali e, di conseguenza, l’area danneggiata non è in grado di funzionare correttamente.

Cause.

Esistono due tipi principali di ictus emorragico:

Un ictus emorragico si verifica quando un vaso sanguigno indebolito esplode, perdendo sangue nel cervello.
Emorragia intracerebrale: l’emorragia si verifica all’interno del cervello. Questo è il tipo più comune di ictus emorragico.
Emorragia subaracnoidea: l’emorragia si verifica tra il cervello e le membrane che lo ricoprono.
Entrambi i tipi di ictus emorragico hanno i tradizionali fattori di rischio di ictus.

Inoltre, i fattori di rischio per l’emorragia intracerebrale includono:

  • Ipertensione – la causa più comune;
  • Malfunzionamenti cavernosi cerebrali – quando i vasi sanguigni non si formano correttamente nel cervello;
  • Malformazioni artero-venose (AVM): una condizione genetica in cui i vasi sanguigni si formano in modo errato, portando a una rete anormalmente aggrovigliata.

Gli AVM si verificano tipicamente nel cervello e nella colonna vertebrale. Se si verificano nel cervello, i vasi possono rompersi, portando a sanguinamento nel cervello. Questo disturbo è raro.

I fattori di rischio per l’emorragia subaracnoidea sono più spesso:

  • AVM (malformazione artero-venosa);
  • disturbi emorragici;
  • trauma cranico e trauma;
  • farmaci per fluidificare il sangue;
  • un rigonfiamento nella parete di un vaso sanguigno chiamato aneurisma cerebrale.

Un aneurisma può aumentare di dimensioni, causando l’indebolimento della parete arteriosa. Se scoppia un aneurisma, può verificarsi sanguinamento incontrollato.

Segni e Sintomi.

I sintomi includono confusione, perdita della parola, mal di testa improvviso e perdita di coordinazione.

I sintomi di un ictus emorragico possono variare, ma i segni comuni includono:

  • improvviso forte mal di testa;
  • cambiamenti di visione;
  • perdita di equilibrio o coordinazione;
  • diventare incapace di muoversi;
  • intorpidimento a un braccio o una gamba;
  • convulsioni;
  • perdita di parola o difficoltà a comprendere il discorso;
  • confusione o perdita di vigilanza;
  • nausea e vomito;
  • perdita di conoscenza.

Ulteriori sintomi di entrambi i tipi di ictus emorragico includono:

  • paralisi o intorpidimento in qualsiasi parte del corpo;
  • incapacità di guardare la luce intensa;
  • rigidità o dolore nella zona del collo;
  • tremori alle mani;
  • frequenti fluttuazioni del battito cardiaco e della respirazione;
  • difficoltà a deglutire.

Complicazioni.

Oltre ad altri problemi medici, un ictus può causare invalidità temporanea o permanente. Ciò dipende da quanto tempo è stato interrotto il flusso sanguigno al cervello e da quale parte del cervello è stata colpita.

Le possibili complicazioni includono:

  • coaguli di sangue;
  • difficoltà a deglutire o parlare;
  • polmonite;
  • perdita di controllo della vescica;
  • perdita di memoria o difficoltà di pensiero;
  • dolore;
  • problemi emotivi;
  • gonfiore del cervello;
  • convulsioni;
  • depressione.

Diagnosi.

Per diagnosticare un ictus emorragico, di solito sono necessari un’anamnesi medica completa e un esame fisico.

Il medico dovrà scattare foto del cervello utilizzando una TAC o una risonanza magnetica per verificare la presenza di sanguinamento nel cervello.

Durante l’esame fisico, un medico cercherà segni e sintomi visibili. Controlleranno la prontezza mentale, la coordinazione e l’equilibrio di una persona. Intorpidimento o debolezza del viso, confusione e difficoltà a parlare sono altri segni che i medici cercheranno.

Poiché esistono diversi tipi di ictus, è necessario eseguire test di imaging per scoprire se c’è sanguinamento all’interno del cervello. Per gli ictus emorragici, le scansioni di tomografia computerizzata (TC) sono spesso i test più veloci e uno dei più utili.

Altri test includono:

  • risonanza magnetica per immagini (MRI);
  • analisi del sangue;
  • Angiografia MRI, in cui il colorante viene iniettato nel cervello.

È possibile eseguire un elettroencefalogramma (EEG) o una puntura lombare (puntura lombare) per confermare la diagnosi di ictus emorragico.

Leggi anche:

Ischemia Cerebrale: quando il cervello va in tilt per mancanza di flusso ematico (Ictus Ischemico).

Scala di Cincinnati: per la valutazione dell’Ictus.

L’articolo Ictus Emorragico: cause, sintomi e trattamento. proviene da AssoCareNews.it – Quotidiano Sanitario Nazionale.

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %