Zefiro: il casco elettroventilato per proteggere gli infermieri dal Covid-19

0 0
Read Time:2 Minute, 33 Second
Covid-19: il casco elettroventilato Zefiro a protezione degli infermieri in prima linea 1
Dopo aver realizzato un prototipo di carrozzina, denominato “Toowheels”, in grado di rendere più semplice l’assistenza ai pazienti disabili ora Fabrizio Alessio ha presentato un nuovo dispositivo a supporto degli infermieri e di tutti i professionisti che combattono contro il Covid-19 in prima linea.
Il designer 34enne, membro del direttivo del Fablab di Torino, ha coordinato il progetto “Zefiro” per realizzare un casco elettroventilato per la protezione degli operatori sanitari, sviluppato in collaborazione con il Virtualab del Politecnico di Torino.

«Ho iniziato a ragionarci alcune settimane fa dopo essermi confrontato con mio fratello che lavora come infermiere al reparto di chirurgia d’urgenza al Cto di Torino. In un momento come questo è particolarmente sentita la necessità di presidi sanitari che rispondano alle nuove emergenze e che invece molto spesso scarseggiano. Nel dettaglio, un casco che permetta a medici ed infermieri di operare in massima sicurezza, ma al tempo stesso poter godere del massimo comfort senza quindi ulteriori sofferenze, provocate da un contatto troppo rigido con la pelle»
.

Il prototipo di carrozzina “Toowheels”

Fabrizio ha deciso di recarsi personalmente in diverse realtà nelle quali viene utilizzata un’attrezzatura del genere: ospedali, aziende chimiche, metalmeccaniche, ma anche agricole. Ha successivamente preso contatti con il Politecnico di Torino che gli ha messo a disposizione in gruppo di “borsisti” con i quali sviluppare il progetto.

Il casco elettroventilato a pressione positiva progettato, permette di proteggere integralmente il viso del personale sanitario garantendo un flusso d’aria filtrata fresca e costante.

Tutto il materiale relativo al progetto sarà condiviso in opensource con i makers ed il network dei Fablab (laboratori di Digital fabrication) in tutto il mondo, per permetterne una produzione distribuita ed uno sviluppo collaborativo del progetto. L’intento del progetto è infatti proprio quello di fornire il “know how” per realizzare il casco a diversi tipi di attività imprenditoriali, in modo da poter aumentare il numero di pezzi prodotti e conseguentemente diminuirne il costo.

Covid-19: il casco elettroventilato Zefiro a protezione degli infermieri in prima linea
Il dispositivo si compone di una serie di elementi progettati ad hoc e di altri componenti di facile reperibilità sul mercato: i primi, progettati per la produzione in additive manufacturing, costituiscono il telaio, elemento strutturale del modello e funzionale al corretto posizionamento della maschera, alla sua stabilità e adattabilità sul capo dell’utente; i secondi, invece, assolvono le funzioni di isolamento e protezione individuale oltre che di immissione dell’aria all’interno della maschera.

L’elemento propulsore è stato la necessità di reperire dispositivi di protezione individuale, di cui si è registrata la mancanza all’interno delle strutture ospedaliere: questo ha messo in moto la collaborazione tra il Virtualab, il laboratorio che nasce e si sviluppa all’interno della Città del design e della mobilità del Politecnico, con l’obiettivo di diffondere la cultura di progetto con la fabbricazione digitale e il FabLab Torino che si inserisce all’interno di una rete globale per lo sviluppo e la promozione delle innovazioni.

Dott. Simone Gussoni

Fonte: lunanuova

L’articolo Zefiro: il casco elettroventilato per proteggere gli infermieri dal Covid-19 scritto da Dott. Simone Gussoni è online su Nurse Times.

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %